PiccoloCineclubTirreno

Dopo una settimana di sosta torneremo alla grande venerdì 28 aprile, sempre alle 21.30, con il Premio Oscar Miglior Film straniero 2017 – “Il cliente”, un grande thriller di Asghar Farhadi (il regista di “Una separazione” e “Il passato”) – in prima visione a Follonica…e a brevissimo il nuovo sorprendente programma di maggio, 4 nuovissimi film…

ilcliente_manifesto

Il grande cineasta iraniano Asghar Farhadi torna con un nuovo capolavoro, un thriller inusuale che si presta o molteplici livelli di lettura.
Emad e Rana, sono una giovane coppia di attori costretta a lasciare il loro appartamento al centro di Teheran a causa di urgenti lavori di ristrutturazione. Un amico li aiuta a trovare una nuova sistemazione, senza raccontare nulla della precedente inquilina che sarà invece la causa di un “incidente” che sconvolgerà la loro vita.
-PREMIO OSCAR 2017 COME MIGLIOR FILM STRANIERO.

-PREMIO PER LA MIGLIOR SCENEGGIATURA E PER LA MIGLIOR INTERPRETAZIONE MASCHILE (SHAHAB HOSSEINI) AL 69. FESTIVAL DI CANNES (2016).

“(…) uno dei film più belli e applauditi della selezione (…). Ancora una volta Farhadi, le cui sceneggiature dovrebbero essere oggetto di studio da parte degli studenti di cinema, costruisce la sua storia attraverso piccoli, progressivi disvelamenti che spostano continuamente il punto di vista sui personaggi facendocene cogliere nuove sfumature a ogni scena, così che buoni e cattivi, i cui contorni non sono mai così netti, si scambiano continuamente di posto. Ne emerge il racconto di un dramma personale che molto ha in comune con quello del commesso viaggiatore di Miller e che si staglia sull’affresco di un paese dove onore e rispettabilità sono delle vere e proprie ossessioni sociali, al punto da trasformare le vittime in intransigenti e irragionevoli carnefici.” (Alessandra De Luca, ‘Avvenire’, 22 maggio 2016)

“È un giallo particolare, dostoevskjiano, su delitto e castigo, la traduzione dei crimini e misfatti e dei match point di Woody Allen: introduce il caso e l’equivoco, seminando le prove si arriva volendo fino a Edipo re. (…) Farhadi vuol credere in una soluzione, è straordinario nel calare le figure reali, quotidiane, dimesse, nella dimensione etica della giustizia: inquadra i volti espressivi dei suoi attori e, senza farsi accorgere, la cinepresa esce dalle mura di casa, dalla città, punta sul cielo e sulle stelle, in cerca del luogo ideale che sappiamo non esistere ma il cinema continua a cercare.” (Maurizio Porro, ‘Corriere della Sera’, 5 gennaio 2017)

IL TRAILER DEL FILM

Protected with SiteGuarding.com Antivirus